Mestra Chicchina e li chiavutiéddj

Mestra Chicchina

Stonu certi storie ca onu successu allu paisu mia ca nisciùnu canosce, ma sontu tanta beddi ca quannu li sentu mi rìzzic’nu li carni.
Questa ete propia bedda.
Quannu scuppiò la prima uerra mondiale tutti li uèmmini giuvini érna scè alla uerra pi salvà e difendere la Patria.
Rimanévunu sulu li viecchj. Appusitìu mancàvunu anni sani sani li falegnami, li scarpari, li cuntadini, li massari, li conzacràste, insomma tutti quiri ca tinevunu nu mistiere.
Intr’a San Giorgi stàvunu tanta falegnami, e tutti èrnu sciutu alla putèa di “Mestru” Carmelu Capozza cu si mparàvunu lu mistiere di falegname d’arte fina.
Quannu Mestru Carmelu e l’otri falignami fùrunu chiamati pi scè sott’a l’armi rimanérnu sulu li femmini e li viecchj.
Mo ti vogghju, ca murévunu li cristiani e no stavunu cchiù chiavuti!!!!
Murévunu li piccinni e no stavunu chiavutieddj. Comu s’era ffa?
Tannu li piccinni murévunu puru cu nna freve, ca no stavunu miticini cu si curàvunu.
Ogni giurnu murévunu piccinni, e sirvèvunu li chiavutieddj, tant’è ca quannu sunava la campanedda era lu nsignale ca era muertu n’otru piccinnu.
Allora la mugghjere ti Mestru Carmelu Capozza, (ca si chiamava Frangesca Carafa, zia ti quiru Giuliu Carafa, maritu ti Ratodda ti lu furnu) chiamò cincu se’ femmene e li mittiu tutti a fatià ‘ntra la putea.
Edda ormai tineva l’esperienza di tant’anni ca era vistu fatià lu maritu e sapeva diriggere bona li ‘iutànti sua e li màschili cchiù viecchj scèvunu a Tarantu cu lu travinu e scè pigghjàvunu lu ligname e lu purtàvunu a San Giorgi.
Di tannu ‘sta cristiana cussì attiva la chiamàrnu tutti “Mestra Chicchina” .
Nu titulu ca li spittava di dirittu!

* nella Foto d’epoca Mestra Chicchina e Mestru Carmelo Capozza che stringono con tenerezza il nipotino Giuseppe.

Annunci

One thought on “Mestra Chicchina e li chiavutiéddj

  1. Bella e suggestiva paginetta che, con estrema sintesi, fà rivivere la vita difficile di un periodo critico della nostra piccola storia (E’ poi la piccola storia che è alla base di quella grande).
    La grande guerra provocò una vera falcidie dei nostri uomini mandati al massacro impreparati al clima glaciale delle Alpi. Essi abituati alle nostre dolci stagioni!
    Ciò, si sostiene, provocò un forzato ricambio generazionale e quindi l’arrivo di nuovi bravi artigiani che presero a proseguire l’attività paterna.
    Quanta parte ebbero le nostre donne in questo passaggio allevando ed educando figli da sole e nelle note ristrettezze del tempo.
    Quello che era da sempre l’anello “debole” rivelò per contro una forza e una capacità impensabili e lo sappiamo noi che per ragioni d’età siamo cresciuti circondati da queste rocce di mamme e di nonne cui la società e la storia del Paese deve molto se non tutto.
    In mancanza della curescia paterna supplì con efficacia la “cucchiara” materna!
    Sarà facile vedere spuntare dai cassetti foto in b/n di anziane con le note vesti lunghe e col caratteristico “fazzulittoni” di cui ha già parlato Anna in questo blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...