Archivio | settembre 2013

I vecchi del mio paese

foto dal web

I Vecchi del mio paese

I vecchi del mio paese

sostano su panchine sverniciate

dipanando gomitoli di memorie

che risuonano come carte di caramelle

ripiegate nel taschino.

I vecchi del mio paese raccontano storie infinite,

all’ultimo raggio del giorno

che ascolta con stupore di bimbo.

Sanno mutare i loro volti di pergamena

in fisarmoniche sognanti

che si accendono ad un cenno di saluto.

Amano

narrare di tesori nascosti

sotto le “chianche” dell’antica piazza,

levigate da puledri in disuso.

E a sera,

recitando giaculatorie sconnesse,

si affidano ad uno scampolo di tempo

ormai liso come il loro bastone.

Come scolari li conto ad uno ad uno:

che non se ne perda nessuno

inseguendo il residuo di un sogno!

20/10/1987

Annunci

CUCUZZA ALLA PUVIREDDA

cucuzza alla puviredda - Copia

La cucuzza nonci ha statu mai calculata ‘ntr’alla cucina ti lu paisu.
Li mariti, quannu si ritiràvunu ti la fatia e acchjàvunu cucuzza, turcèvunu lu musu.
E tinèvunu raggione piccè la cucuzza ete senza sustanza …e po’ ete totta acqua!
Ste puru nu pruverbio ca tici ”la cucuzza si coce cu l’acqua sova stessa”.
Eppuru si po’ cucina’ ti tanta manére!
N’otru pruverbio tici “comu la faci faci è cucuzza!”
E’ inutile! Questa pòvera cucuzza, puru ci ete tanta bona, nisciunu la po’ vite’.
Mama la cucinava spritta e tagghjata a pizzetti grossi. La faceva sprìcere ‘ntr’allu uegghju, la vutava e la girava finu a quannu ‘rrussava! Alla fine ti la cuttura minava nu uevu, lu sbatteva ‘ntr’alla patella stessa e la faceva quagghja’!
L’ardoro però ca si sinteva ‘ntra casa era megghju ti quannu cucinavi maccarruni e carne!
Mitteva puru nu picca ti formaggiu e na figghjazza ti menta ca ‘ntra li uerti nuestri no mancava mai!