LI LAMPASCIUNI

a>lampasciuni fritti copia
Li sere ti lu ‘nviernu, si stava ‘nturnu alla fracera. Ci tinemmu nna patana si mitteva a rrostre ‘ntra lla cennere, quannu lu fuecu vivu s’era cunsumatu nnu picca!
Ci po’ tinemmu do lampasciuni era megghju ancòra.
Quannu si rrustevnu li lampasciuni nonci si pulizzavunu assai. Si mittevnu zzimpati ‘ntra la cravunedda e si giravunu ogni tanta. Quannu ernu rrizzatu nnu picca e l’ardoru ti pigghjava lu stomm’cu, si llivavunu quiri figghiazzi di fore fore e si ccunzavnu cu sale e uegghju.
A ttanima li piacevnu fritti cu llu uevu.
Ogni tanta ni purtava nna francata ti campagna e si ni vineva allegr’allegre comu sia ca era acchjatu turnisi t’oro.
Li lampasciuni però, prima cu ssi cucinavnu, si mittevnu armenu nna nuttata a bagnu, cu spurgavnu tuttu quiru amarore ca tenev’nu!
All’indomani, si canciava doi tre vote l’acqua e si llissàv’nu pi nna bbona menz’ora.
Si passavnu intra nna pastella cu nnu uevu, farina e acqua e si fricevnu!!!!
Matonna mea quant’ernu bbueni.
Sulu dopu ca ti l’iri manciatu ti n’addunavi ca quisti cipuddazzi tènunu certi effetti collaterali ca è megghju ca nonci vi lu ticu!

Annunci

6 thoughts on “LI LAMPASCIUNI

    • Giovanni, la pietanza è descritta nel “Quaderno degli antichi sapori” io devo ancora una volta ringraziarti per la tua sempre gradita presenza alle Mie “serate culturali” Grazie cari saluti alla gentile signora!!!

  1. Il lemma Lampone ci viene da una forma settentrionale L’AMPON, con l’articolo saldato per il fenomeno della concrezione, con la restituzione della vocale “e”.
    È di tema mediterraneo, da AMPOMA – prefisso A privativo e POMA(O) – che vale non è un pomo nel senso che per la sua minuta dimensione non può essere classificato tra i Pomi.
    L’identico meccanismo linguistico dell’articolo saldato che avrebbe prodotto i termini Lampascione o Lambascione o ancora Lambaggione quali tentativi di italianizzare il volgare meridionale Lampasciuni.
    Termine, lampascione, verosimilmente sorto dall’incrocio con Crescione, erbacea piccante commestibile, quest’ultimo coniato sotto l’influsso del verbo CRESCERE.
    I Lampasciuni, così omologato in lingua, stando alle preferenze, sono dei cipollacci selvatici, della Famiglia dei Muscari, utilizzati cotti in condimento per il loro gustoso sapore amarognolo.

  2. UN UTILIZZO CURIOSO E INTERESSANTE SUL LAMPASCIONE.
    Quando una pentola di terracotta si crepa, viene utilizzata una metà di lampascione che viene sfregata sulla parte crepata fino a che la mucillaggine presente nel bulbo non va a ricoprire completamente la crepa. Una volta che la mucillagine è essiccata, diventa un vero e proprio collante e la pentola può essere utilizzata ancora per molto tempo.

Rispondi a Ferruccio Gemmellaro Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...