lu uèvu ‘rrustutu

zia Stella che pulisce le cicorie
Alli tiempi ti prima no si n’assèva tanta ‘mmunnezza quanta si n’esse mò!
Mò addirittura ste tanta ti quera ‘mmunnezza ca sa ta spàrtre: qua la carta, qua la plastica, qua li figghjazzi ti li fogghje, li scuercili ti lu mulone, ti li miledde…
Alli tiempi ti prima tutti tinèvunu nu stuezzu di uertu e a n’angulu tinèvunu nu paru ti jaddine.
Alli jaddine si faceva la canigghja ma si tava puru tutti quiri cose ca mo si scèttunu. Canuscèva na cristiana ca tava alli jaddine puru li scuèrcili ti li patane!
E quiri criscèvunu e facèvunu l’ove.
Lu russu ti l’ove ti prima era veramente russu!
Mò lu russu ete come sia ca li jaddine tènunu l’anemia!
E alli tiempi mia quannu stàvunu l’ove friscki li mamme ni lu facèvunu ‘rrustutu.
Nonci lu mittèvunu sobbra allu fuecu comu la fettina ti la carne o la sazizza, ma si faceva bulli’ doi tre minuti intra na patellozza piccenna, ca lu uevu era stà picca picca di fore. Appena l’acqua ‘zziccava a spingula’ la fiamma si stutava e si lassava pi n’otru paru ti minuti, taccussì lu biancu quagghjava n’otru picca.
Po’ si mitteva intr’a na tazza, si livava lo skuèrciulu ti sobbra e si ‘ssuppàvunu li fedde ti lu pane tagghjate a striscioline. Si mitteva puru nu picca ti sale finu e si ggirava intr’allu uevu stessu cu lu cucchiarinu.
Ci no, lu primu vuccone ca ti manciavi era salatu na raggia!!!

Annunci

10 thoughts on “lu uèvu ‘rrustutu

  1. Bellissimo articolo che mi fa venire in mente la mia cara nonna Michelina, che pero’alla sua piccola nipotina diceva: c’e’ vue’ fatto nuovo uevu alla Cocche? Evidentemente si era gia’ globalizzata! Ahahah
    Grazie Anna i tuoi pensieri ci fanno rivivere, il tempo, le emozioni e le persone che non ci sono piu’.

  2. quannu nettava li rapiciocci si ni sceva sempre sopra alla lammia dò stavunu li jaddine e li palumme.
    quant’ovi friski na mu manciatu.
    comunque è vero, oggi c’è tanta immondizia anche perchè non ci sono più famiglie che hanno gli animali come una volta.

  3. Una descrizione così realistica che ti pare di sentire il sapore di quell’uovo e di quei listelli di pane.
    E chi non ricorda la squisitezza dell’uovo “sbattuto”? Erano uova vere e con un pò di zucchero ne veniva una crema deliziosa, nutriente … insomma, indimenticabile!
    Cara Anna che fine ha fatto la rosata? Non ne sento più parlare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...