Ti attende un sole infinito

vetrata

Altissimo e muto
si leverà l’addio
tra le vetrate della Chiesa Madre
dove bambina mi conducevi.
L’inadeguata parola sovrasterà
il campanile amico
quasi a sfidare altezze di cipressi.

Il commiato, madre mia,
io te l’ho dato quand’eri ancora in vita
raccogliendo i tuoi respiri di grano,
i tuoi abbracci di fustagno,
la protezione del tuo amore
che solo alle querce
strappava similitudini.

Ti ho pianto nei giorni
dell’amore impossibile
seguendoti fino alla vetta
più ardua del Golgota
che sapeva anticipare Primavere.

Non temere, madre, oltre quel colle,
che adesso varcherai da sola,
ti attende un sole infinito,
e l’abbraccio di un Dio immortale
che la semplicità della tua vita
saprà vestire con abito regale.

Anna Marinelli

Annunci

3 thoughts on “Ti attende un sole infinito

  1. Come ho già detto in precedente occasione, questa poesia ha colpito profondamente sia me che mia moglie entrambi orfani di madre. E’ una poesia che non esito a definire sublime.
    Chi non avrebbe voluto rivolgere queste parole alla prorpia mamma? Solo un animo altamente poetico può esserne capace. E’ veramente amaro sentire nel cuore questi sentimenti e non saperli esprimere come Anna dunque facciamo nostri questi versi e dedichiamoli alle nostre mamme.
    Anna non ce ne vorrà ed anzi ne sarà contenta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...