Archivio | aprile 17, 2013

La Leggenda di San Giorgio martire

Bimbi attorno al santo Patrono

Prologo:

Stonu chju stelle ‘ncielu ca rena a mare
o Spiritu Santu mia ‘lluminatore
quant’ancili mi ‘ccumpàgnunu a me stasera?

Tu Spiritu Santu ti ‘ncielu scinnisti
Figliolu ti la Vergine Maria,
subbutu alla bon’ora ti partisti
cacciasti n’anima ti la ‘bbifania (1)

Cussì digni cacciari a me ,Signore,
di ogni mali e di mali pinzieri.
Sciamu alla terra di Monte Paganu
‘ddà ha natu n’aspru sirpente
‘ddò ogni mamma a sce’ duna’ la figlia
pi tinerlu tranquillu e cuntente.

“Osci tocca a me, Signore Dio,
vado alla morte che mi ha dato Dio”

’ddò la purtamu sta crona ‘ncrunata,
mancu ci fosse Diu simigliata ?
Ret’a nu muru ‘nci la sce’ lassara
chjanancennu e lacrimannu l’accumpagnara.

Mo si prisenta nu giovini ‘ncavaddu
era San Giorgi e santu cavagliere
armatu sceva, senza nisciunu pinziere.

“Donzella, ‘ddò ste ve sola soletta,
sola soletta senza cumpagnia?”

“ Vocu alla morte ca m’ha datu Diu”

“ Assièttiti nu pocu mia dunzella,
quantu mi cierchierai nu pocu la testa.”
Sùbbutu la dunzella s’ha ‘ssittatu
la testa a Santu Giorgi l’ha ‘ncirchiatu.

Mo ci sa vistu la testa bagnata
sùbbutu all’arme della sua donzella:
“ C’ete dunzella mia ca sempre piangi ?”

“ Mo vene lu dragone e a me mi mangia”
Sùbbutu Santu Giorgi s’ha misu all’impiedi
‘ngruppa allu suo cavallu l’ha minatu,
sùbbutu lu sirpente dette nu ballu
toccò li piedi di lu suo cavallu.

“Apra la bocca nigru serpente,
ca ti vogliu mina’ la criatura!”

Sùbbutu lu sirpente aprìu la vocca
San Giorgio li minò la lancia ‘mmocca.
Mo risposi n’Ancilu dal cielo:

“Ferma lu puzu Santu Cavagliere
ferma lu puzu Santu di facore
oggi t’è ‘uadagnatu nu grande onore:
ti stu paìsu si’ Santu protettore”.

Questa é la storia di Santu San Giorgi
‘iata ci la sape e ci la dici,
a ci la dici tre vote la dìa
ni caccia n’anima di la ‘bbifania,
A ci la dici tre vote la notte
libbera n’anima di la mala morte,
A ci la dici di cori e d’ammente
ni caccia n’anima di lu focu ardente.

Questa è la storia di Santu San Giorgi,
vul’è sapiti ci ha fattu la storia?
Ignaziu di Tartu e cittadino di Oria.

—————————
Questa leggenda riporta in via del tutto eccezionale il nome dei suoi autori
anche se non sufficientemente identificati.
Ci basti sapere che uno fu un certo Ignazio di Taranto ed un altro fu un cittadino di Oria.

Annunci

La “nota ti la festa”

"La Nota"

“La Nota”

A proposito de La Nota, vorrei dire che si chiama così il gruppo di volontari che all’interno del Comitato per i festeggiamenti della festa patronale, ma anche di altre feste, girano casa per casa a chiedere il contributo in denaro per meglio celebrare e festeggiare il Santo. Occorrono soldi per allestire le luninarie, chiamare alcuni complessi bandistici, addobbare di fiori la Chiesa etc.
Vi racconto un episodio simpatico che è assolutamente inedito: è quello del Podestà che con alcuni membri del Comitato, all’epoca del fascismo girava per le strade a chiedere l’obolo per la festa, la cosiddetta Nota; difatti quando vediamo girare questi uomini eroici per le strade, ci diciamo fra noi “ ste passa la Nota ti la festa” ebbene in quell’epoca quando la nota con il Podestà arrivò in via Rocca e davanti ad alcune abitazioni i cui proprietari avevano tutti il cognome Tocci, quello chiedeva: e qua chi abita? E quelli rispondevano” Pietru ti paddone “ AH!, diceva Lui, Pietro ti Paddone: passavano più avanti e prima di bussare il Potestà chiedeva agli uomini che stavano con lui; e qui chi abita? Giorgi ti paddone, rispondevano gli uomini, passavano più avanti e quello chiedeva E qui chi abita? E quelli: Giuvanni ti paddone, AH! Giovanni ti paddone..poco più avanti suonarono ad un’altra porta e ancora quello chiedeva: e qui chi abita, e quelli: “qua javita Grazzia di Maturi”, Opperbacco, rispose il Podestà, di la a qua sono maturati finalmente!