Archivio | aprile 14, 2013

Lu ruzz’lu

GIOCHI DI STRADA DEL TARANTINO

Il maestro Cosimo Quaranta nel suo volume intitolato
“San Giorgio jonico e paesi di area tarantina” ci riporta alla memoria ben 30 giochi di strada..giochi infantili e giovanili in uso dagli anni 30/40. Di questi ancora qualcuno i nostri genitori li ricordano perfettamente…ma la gran parte della gioventù..come pure i bambini ritengo che non abbiano mai avuto modo di giocarli né, tantomeno, di vederli giocare…

Intanto ne elenco alcuni nella speranza di far rinverdire qualche ricordo nei assidui visitatori.

La livoria- Lu ruzzulu – La rozzila- lu zzummieddu – egnalafà (altalena) –La uerra francese- alla muta alla muta cinca parla è curnutu- alla posta Napule e Lecce- Briganti e carbinieri-
Scunni –scunnicola – a battiparete- allu lapiddu- a capu e lettre-
allu stacchju – alli runchjli- a mmarcacammra – a girigirisella-
a moscacieca- a pitruddi- alli 4 cantuni- a Manuè zzòzzò

Questo che vediamo nel breve filmato è la cara vecchia trottola che a Taranto veniva chiamata “u currucle” nei paesi circostanti invece “Lu ruzzlu”. Gioco di bravura che consisteva nel far girare più a lungo possibile la trottola senza farla “scacare” troppo presto, il termine da me usato era proprio del gioco e significava l’interruzione disordinata della trottola che faceva subito uscire di gioco il concorrente e fargli pagare “pegno”.Il pegno è una piccola punizione che il capo assegnava ai perdenti.

Nel filmato la trottola gira agilmente su un pavimendo liscio, ma immaginiamo quanta abilità occorreva per farla girare su una superfice ruvida e sconnessa come quelle antistanti le case del sud negli anni 40/50.

come gira questo coso!!!
voglio prenderlo io!!!
la nostra gloriosa scuola Maria Pia

Annunci