Le mani delle donne

le mani delle donne[1]

Le mani delle donne

intrecciano conchiglie di sorprese

e s’appuntano asterischi di luna

sulle crocchie dei capelli arrotolati.

Sciolgono silenzi di vetro

al crogiolo sempre acceso delle loro bocche,

intessendo arazzi d’accoglienza.

Le mani delle donne

sanno d’ago e di filo

e cuciono stupori d’aquiloni

da annodare tra le mani dei bambini.

Quelle mani hanno ore da sbucciare

nei riflessi dei mattini

e intingono le attese

in anfore sempre piene di speranza.

Sigillano pulviscolo di solitudini

in teche di madreperla, che, fatate,

sanno mutare in sorriso la malcelata pena.

Custodiscono battiti cadenzati come torchi

per spremiture di uvaspina

per propiziare vaghezze di sospiri,

Col punto d’erba e festoni

arredano tristezze di solitudini,

e schiudono segreti scrigni di sole

nei giorni di una pioggia inopportuna.

Affastellano desideri segreti

tra le pieghe di lenzuola di percalle

che profumano di mirto e di lavanda.

Se giovani, quelle mani,

sanno avere levità di ali

e sulle spalle incurvate dei vecchi

si chinano amorose,

per sollevare il duolo di ogni pena.

Le mani delle donne spalmano carezze di nutella

su fette d’anima fragrante.

Chiudono pietose le palpebre dell’ultimo respiro

col tocco lieve delle loro dita

schiudendo tepori di placente.

aprendo varchi ad una nuova vita.

2 thoughts on “Le mani delle donne

  1. Quanti anni di prezioso e meticoloso lavoro, da sole o in compagnia di altre allieve sartine e ricamatrici! I loro canti hanno fatto sognare generazioni di ragazzi ai primi moti del cuore.
    Il tutto per preparare con amore quel “CORREDO” che avrebbe accompagnato le future mogli e madri per tutta la vita e che, spesso, sarebbe passato alle figlie, preziosissimi e splendidi pezzi unici, irripetibili e gelosamente conservati.
    Che fine ha fatto il corredo, tenero compagno di una lunga vita matrimoniale?
    Oggi si ricorre frettolosamente alla “fiera del bianco” per acquistare soltanto quanto occorre! E le casse piene di finissima biancheria, tovagliame ecc.?
    E poi è proprio il caso di riempire casse e casse di roba per unioni che che non sono più “per una vita, nella buona e nella cattiva sorte”?
    Quando prende la penna Anna va diritto al cuore e non fallisce un colpo!

    • Grazie Gino per il tuo commento, questa poesia mi ha dato tante ma tante soddisfazioni…e poi, i tuoi ricordi e le tue considerazioni avvalorano il semplice dettato poetico, e di ciò te ne sono grata. Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...