Archivio | gennaio 23, 2013

Santi e meteorologia (proverbi salentini)

Ti san Sibbastianu, (20 gennaio) nn’ora ti cchju abbiamu

Ti san Valentinu, (14 febbraio) la primavera éte vicinu

Ti san Frangiscu, li séte allu canistru

Ti sant’Antonio (13 giugno) lu culummu pi tistimonio

Ti sant’Antoniu abbate,( 17 gennaio) maschere e serenate

Ti santa Croce, (14 settembre) mancia lu pane cu llu noce

Ti santa Rita,(22 maggio) ogni rosa è fiorita
Ti sant’ Anna,(26 luglio) trasi l’anima alla castagna

Ti santa Catarina, s’imbianca la pàmpina e puru la spina

Ti santa Catarina,(25 novembre) o acqua o neve o brina

Ti santa Catarina, (25 novembre) la neve ogni matina

Ti san Simone,(28 ottobre) lu jaddu si faci cappone

Ti santa Lucia, (13 dicembre) tanta la notte quantu la dìa

Ti santu Grazianu, semina a piena manu

Ti santa Matalena, ( 22 luglio) lu noce è chinu e si tagghja l’avena

Ti santa Cristina,(24 luglio) la matina l’aria è fina

Quannu chiove ti santu Vitu la raccolta ti l’ùa ha fallitu

Ti tutti li santi, ( 1 novembre) cappottu e uànti
Ti tutti li santi, ogni érva chianti

Ti santa Filumena,(5 luglio) la mennela è chiena

Ti sant’Anna, l’acqua è panna

Ti santu Bbiase, (3 febbraio ) quantu sièmmini tantu face

Ti la Candelora (2 febbraio) ti lu ‘nviernu simu fora,
ma ci li sé cuntà nnotr’ e ttanta nci ni sta.