La sporta ti lu cùnsulu

sporta ti lu cùnsulu

Chi non è del territorio tarantino non può nemmeno lontanamente sapere cosa sia questa cosa!
“La sporta ti lu cùnsulu”!
Ebbene, amici e lettori di passaggio, la sporta era una cesta di vimini molto ampia e molto alta nella quale si disponevano tutte le vivande che si portavano presso una famiglia colpita da grave lutto, durante tutta una intera settimana, e anche oltre.

Intorno all’evento terminale della morte c’era tutta una serie di usanze e tradizioni che vanno inesorabilmente scomparendo. Ma che mi piace qui ricordare, cioè quella della veglia fatta attorno al catafalco del defunto da tutti i membri della famiglia, dagli amici più stetti, dai vicini di casa, i quali si preoccupavano di portare con molta discrezione ogni genere di conforto soprattutto latte, caffè d’orzo, biscotti ed altro ai parenti del defunto e l’indomani, dopo la sepoltura all’imbrunire, si portava il cosiddetto cùnsulu. Si disponeva tutto in grandi cesti di vimini, usati esclusivamente per questo motivo, si portava di tutto dalla pastasciutta al brodo, dalla carne alle verdure crude, formaggio grattugiato e frutta. Per sette giorni, infatti, nella famiglia colpita da un lutto non si poteva né si doveva cucinare, non si poteva spazzare la casa: era come scacciare l’anima del defunto che si aggirava ancora tra le pareti domestiche.

I parenti non attendevano a nessun dovere familiare se non quello di stare seduti ad attendere le persone che andavano allu visitu. Si osservava un lutto stretto, intendo con questo parlarvi del lutto inteso come abiti neri, nero totale, dalla testa ai piedi, per circa tre anni. La morte come la nascita era regolata da ferree regole osservate coscienziosamente senza ribellarsi, senza opporre resistenza, faceva parte della vita, di quella parabola umana che oggi ci siamo fermati a rivedere come alla moviola sperando di avervi fatto riflettere e ricordare di come eravamo più ricchi quando eravamo più poveri.

Stralcio della mia Relazione tenuta il 28 marzo 2008 nel Castello d’Ayala Valva di Carosino nell’ambito del progetto culturale “Carosino letterario” dal titolo:-I giochi e gli intrecci della memoria-a cura dell’assessore alla cultura Maria Teresa Laneve

Annunci

6 thoughts on “La sporta ti lu cùnsulu

  1. oggi questo rito,, da te così magistralmente descritto,potrebbe sembrare eccessivo, ma concorreva sicuramente ad inculcare alle giovani generazioni valori ferrei,quali:rispetto ,attaccamento familiare, condivisione del dolore,amore per gli altri.Peccato che sia subentrato l individualismo a cancellare riti e tradizioni dei nostri progenitori ,poveri di risorse ma ricchi di cuore !

  2. a me hanno insegnato che la Sporta non era solo il contenitore di viveri per i famlliari del defunto, ma era un contenitore di ricchezze: amicizia, solidarietà e altri valori che oggi si sono persi. voluti, se vogliamo anche da noi che ci siamo fatti emancipare da questa vita caotica e priva, vuota di ogni ricchezza.

    • Dici bene Mino, era un contenitore di affetti ed era tanto preziosa la sporta che era tra gli oggetti che una donna portava in dote, In queste capienti ceste si metteva il corredo per trasportarlo dalla casa paterna alla nuova casa degli sposi! Grazie Mino!

  3. Condivisibile parola per parola quanto scrive Mino. Oggi, imitando pateticamente l’America, si va banalizzando l’evento morte. Nelle città ormai si parla di “Casa del commiato” (!!!) dove si trovano sale mortuarie, bar, sala ristorante e camere per i parenti. Il tutto in uno squallore e una freddezza infiniti che sempre più ci faranno rimpiangere quall’afflato affettivo e quella vicinanza che solo la nostra gente sapeva dare a chi era afflitto da un lutto. Quelle pagine di vero calore umano andrebbero rievocate nelle aule scolastiche per far capire alle ultime leve certi valori oggi sconosciuti.

  4. Ciao Luigi, grazie di essere ripassato a leggerti questo post, proprio giorni fa una mia amica, colpita di recente da un lutto familiare mi ha chiesto di parlare di questa vecchia usanza… Ho scritto una nuova pagina sulle tradizioni le leggende , le superstizioni che ruotavano intorno all’evento “Morte” e presto la pubblicherò su questo mio “Diario di tradizione e cultura” come mi fu suggerito di chiamare questo mio spazio, aperto a tutti i naviganti. Grazie ancora Luigi e cari saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...