Puccia alla vampa

interno della puccia

Pucce alla vampa

Pucce alla vampa

Quannu màma faceva lu pane faceva puru lu fucazzieddu o doi tre pucce alla vampa.
Lu fucazzieddu era na cosa chju prelibata, chju di lussu.
Stàvunu do tipi ti fucazzieddi, unu sulu cu lu pummitòru a pizzetti e l’otru ca si chiamava fucazzieddu chinu
era ‘mbottito t’ alie, ti sarde salate, ti cipodda, ti pummitori, ti cchiapparini e si ‘nfurnàvunu prima ti li pucce, piccè avevun bisuegnu ti deci minuti di chju ti cuttura.
Li furnare tinévunu tanta abilità ca facévunu lu spaziu ‘ntra lu furnu e scupàvunu totta la cennere e li rimanenze di la stroma askuata, pulizzàvunu pulitu pulitu e mittévunu la spasi ti li fucazzieddi.
Li pucce invece si cucèvunu intra cincu sei minuti. E puru qua tinévunu tanta ti quera abilità ca nui piccinni rimanemmu a vocca aperta pi la meraviglia!
Cazzàvunu li panittuddi distinati alli pucce ‘ntr’alli parmi ti li mani, li vacévunu vula’ comu fàcinu mo li pizzaiueli, e li lanciàvunu ‘ntra lu furnu comu sia ca èrnu dischi volanti.
Sùbbitu la puccia gunfiava comu nu pallone e si rrussava ti sotta e ti sobbra.
Po’ chiamàvunu li cristiani cu nome o cu soprannome e li cunsignava li pucce.
Li pucce askuavunu comu lu fuecu ca l’era cucinatu, appusitìu si ‘nturtigghjàvunu intr’a na tuvàgghia pesante o intr’a na manticedda e si curreva a casa, a pirìculu cu svenivi pi la fame e pi l’ardoru.
Quannu la mamma tagghjava la puccia, asseva ancora lu fumu…li mitteva na croce t’oglio e ti la manciavi cu tanta gustu e cu tant’appititu.

3 thoughts on “Puccia alla vampa

  1. ciao Anna,
    lo sapevi che la puccia era un sistema per controllare la temperatura del forno?
    una volta non esistevano i termostati per i forni, così i fornai controllavano la giusta temperatura per infornare il pane. questa notizia la seppi da un vecchio fornaio.
    comunque sia la puccia è stata, è e sarà sempre buona.
    grazie.

  2. La puccia aveva la duplice funzione:
    a) di controllare la giusta lievitazione
    b) di controllare appunto la temperatura del forno.
    All’epoca era indispensabile che questi due elementi concordassero perfettamente perchè, come sappiamo, non erano ammessi sprechi cioè non si buttava niente nè si poteva immaginare di rovinare quel pane che doveva durare almeno una settimana!
    Ma una volta appurato che lievitazione e forno erano a posto che si faceva con la pasta “testata”?
    Ovviamente non si poteva che consumarla. Da quì la squisitissisma puccia con tutte le sue varianti (pomodoro e olio, ricotta forte, pomodoro olio e peperoni fritti ecc ecc.).
    Beati voi che potete gustarle quando volete perchè ormai si trovano tutte le sere.
    Ho provato quì al nord a prendere delle pizze scondite a mò di pucce. Grande fallimento e grande delusione a causa di un impasto e una lievitazione di incerta natura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...