Archivio | dicembre 19, 2012

La leggenda di Santo Stefano

Anastasia e il Bambino di pietra....in altre località la donna si chiama Tecla

Anastasia e il Bambino di pietra….in altre località la donna si chiama Tecla

il bambino di pietra

il bambino di pietra

La leggenda di Santo Stefano

Sobbra lu magazzinu, ieri agghju ‘cchjatu,
nu scatulone vecchju e ‘mpolveratu,
stàvunu pasturi, angili e qualche picuredda
ti allora tannu, quann’era piccinnodda.

Intra la mente mea s’onu ‘ffacciatu
tanta ricuerdi belli ti lu passatu.

Com’ernu belli li pupazzi allora
parèvunu sculture veramente,
po’ pi tant’anni l’amu ‘bbandunatu
e n’usanza americana amu cupiatu.

E scarufannu ‘ntra stu scatulone
quant’anni arretu agghju riturnatu,
quannu ‘ttànima era ancora nu vagnone
e lu presepiu si faceva pi divuzione.

Comu nu lampu m’agghju ricurdatu
na storia ca scurdare ete piccatu,
ete na storia bella di Natale
e ìu stasera vi l’agghj’a cuntare.

‘ntra sti pirsunaggi dissusati
stava puru na vagnedda vacantìa,
ca di nome si chiamava “Anastasìa”,
quera ca tineva strittu ‘ntra lu core
lu spilu di vite’ nostru Signore..

Pigghiò na petra liscia di torrente,
ca nu piccinnu pareva veramente,
lu ‘nturtigghiò ‘ntra pezze fatte a fassi,
e cu l’otri fèmmene si ‘ccucchjò pi la via
pi sce’ truva’ Gesù Cristu e Maria.

Stava n’usanza tannu ca no si sce’ truvava parturente
ci mamma tu nonc’iri veramente.
E Anastasìa puru ca nonc’era mamma
cu l’otri si ‘mmiòju alla capanna.

Quannu arrivoju cu sta bedda petra ‘mbrazzi
questa cosa fece nu starnutu,
“Salute, Stefanuddu!“ disse la Matonna
ieri ha natu Gesù e osci è natu tu”

Miràculu! esclamò Anastasia,
nonc’é chju petra lu piccinnu mia!

Fra quanti ‘nci ni stavunu fu nu parapiglia
e si n’asséra tutti carichi di meraviglia.

Pi li cristiani semplici di cori
tuttu è possibbile a nostru Signore!
Piccè a Diu ogni cosa po’ succètere
puru cu nasce nu criaturu dalli petre .

11/12/2000

Li friselline cu li mènnele

friselline con le mandorle

Intra quistu periodo no’ ste famiglia ca no ste faci li piscotti pi Natale!
Nu giurnu li savoiardi, nu giurnu la sannacchjutili e li carteddate, n’otru giurnu li friselline cu li mènnele e tanta otri cose bueni!

Li frisellini ca si fàcinu addo nuje sono megghju ti li cantuccini ca fàcinu alla Toscana.

Avogghja!

Quiri si ni prèsciunu ti li piscotti loru, ma nonci onu mai ‘ssaggiatu quiri ca facimu nuje!
Pi fa’ felice a Rosetta ca voli li rizzette ti li piscotti, agghju sciu’ fattu na visita a ziànima Popola, ca li frisellini comu li faci quera no li faci nisciunu.
Be! Mittiti muètu mo, cu venunu bueni puru a vuje!

———————————————-
Friselline con le mandorle

Ingredienti:
500 g. di mandorle tostate
1 kg. di zucchero
1 kg. di farina 00
4 uova
100 gr. di olio tiepido
La buccia di un’arancia grattugiata
Il succo di un’arancia
Un bicchierino da caffè di nocino (liquore)
Un cucchiaino di bicarbonato
2 bustine di lievito Pan degli Angeli
Un odorino di chiodi di garofano e cannella triturati finemente
Latte tiepido per impastare

Impastare la farina con lo zucchero, il bicarbonato, le uova, la buccia d’arancia grattugiata, le bustine di lievito, l’olio tiepido, il succo d’arancia… mescolare tutti gli ingredienti . Per far venire un impasto morbido impastare con il latte tiepido, deve essere un impasto che si attaccherà alle dita, ma non fa niente, posate accanto a voi sulla spianatoia un mucchietto di farina, con quella vi pulirete le mani…le mandorle tostate e leggermente triturate incorporatele alla fine. Prendete delle porzioni di pasta e arrotolatele nella farina, disponetele allargandole di 3 cm. nella teglia dove avrete disposto un foglio di carta da forno,( o sulla teglia imburrata e infarinata come si faceva una volta), posizionare tutte queste strisce, larghe 3 cm circa, poco più poco meno non ha importanza, e distanziatele tra di loro a causa della lievitazione che avverrà nel forno.
Accendete il forno a 200° e fate riscaldare.
Infornare posizionando le teglie né sopra sopra né sul fondo del forno ma ad una altezza “sospesa”. Appena le vedrete dorare e crescere ( dopo circa 15 minuti) , toglietele dal forno e ancora calde tagliate le friselline a strisce di sbieco, disponetele nella stessa teglia dalla parte interna della pasta e continuate la cottura ancora dieci minuti o anche meno, appena la loro doratura vi garberà potete sfornare.