Archivio | novembre 19, 2012

MODI DI DIRE

MINACCE

Ti fazzu nuevu nuevu !
Ti faccio nuovo- ti cambio i connotati

Ti cconzu pi li feste !
Ti concio per le feste

Ti fazzu pigghia’ lu trièmulu !
Ti faccio prendere la tremarella

Ti stè fete lu campa’ ?
Ti puzza il vivere?

Ti fazzu a gnora morte !
Ti faccio nero come la morte

T’agghia ggiusta’ l’osse !
Ti aggiusto le ossa (per non dire te le spezzo)

T’agghia spizza’ li jammi !
Ti spezzo le gambe

Strazza pane e mmancia ci tieni fame !
Se hai fame mangia pane

Mo fazzu lu tiavulu a quattru !
Ora faccio il diavolo a quattro

Mi stè llievi li mazzati ti ‘ntra lli mani!
Mi stai togliendo le botte da dentro le mani

T’agghja da’ nu mašcone !
Ti devo dare uno schiaffone

T’agghja da’ na stampata !
Ti devo dare un calcio

Mo ti cònfiu li uecchi !
Ora ti gonfio gli occhi

Mitt’abbatu a comu parli!
Stai attento a come parli

Ti fazzu pigghia’ la saetta!
Ti faccio prendere la saetta

Ci no lla finisci bušchi!
Se non la smetti le prendi

T’agghia bbutta’ li musi !
Ti devo gonfiare le labbra

Mitt’abbatu a te!
Stai attento a te

idem
Mitt’a batu alla strata

idem
Camina tretta

Mo fazzu lu tiàvulu a quattru!
Ora faccio il diavolo in quattro

ah! uelì, comu si ccogghjnu l’alie

Amici, oggi vi offro un video dove potete vedere come si fa una raccolta moderna delle olive,
prima, invece, le raccoglievano le donne, chine sulla terra rossa, col vento di tramontana o con l'umidore dello scirocco.
Le raccoglievano cantando, sotto gli occhi del "padrone" e sotto gli sguardi "Ti li uemmini ca spruiàvunu l'arli, o li battevunu cu li pèrtiche.

In occasione delle Performance "Un popolo e il suo santo" da me scritta per la festa patronale di due anni fa ho ricostruito un antico canto popolare delle raccoglitrici di olive, che Lo storico Alfredo Maiorana raccolse, con un rudimentale registratore, direttamente nelle campagne del tarantino.

Ah uelì, comu si ccogghjnu l’alie
E si ccogghjnu a unu a unu
pi dispettu ti lu patrunu

A uelì comu si ccogghjnu l’alie
E si ccogghjnu a quattru a quattru
Allu patrunu lu cori li skatta

A uelì comu si ccogghjnu l’alie
E li vivi 'ntra llu panaru e
Li muerti 'ntra lu sunale

Ah uelì, è fatiatrice la bella mia
E ste ccogghj la rimonna
Pare totta nna matonna

Ah uelì, è fatiatore lu bbene mia
ste luntanu e si ni more
quanta suspiri faci stu core!

Questa voce è stata pubblicata il novembre 19, 2012, in varie. 2 commenti