La mustarda

Quannu l’ùa si zzecca a mmalazza’, pi no la fa pèrdere, faciti nu paru ti buccacci ti marmellata.

Si àprunu l’acini a un’ a unu e si mettunu sobbr’allu furnueddu cu la fiamma vàscia vàscia!

Li primi minuti non stè bisuegnu cu ggirati l’ùa, faciti cunsuma’ prima nu picca ti quiru sucu ca esse!
pò, bisogna cu tiniti nu picca ti pacenzia, piccè aviti a sta’ dda vicinu e gira’ sempre cu no si ‘ncodda la marmellata sotta lu funnu ti la patella.

Quannu vititi ca sa ‘ddensatu bona bona, stutati la fiamma e facitila driffèddere.
Po’ mittitila intr’alli buccacci e ‘rripàtila pi fa li piscotti ti Natali.
vale la pena cu la faciti ssaggià alli piccinni sobbra a na fedda ti pane, piccè ete veramente bona!

No sacciu piccè all’ébbica ti mama, la marmellata ti ùa si chiamava “Mustarda”. E vui lu sapiti?

2 thoughts on “La mustarda

  1. Cara Anna, non lo so il perchè di tale termine. so solo che era buonissima e mia mamma dalla vigna di montefusco riusciva a preparare quella mostarda (marmellata – confettura) che era una delizia, specialmente spalmata su di una fetta di pane appena sfornato e ben caldo. cosa si può chiedere di più. forse il ritorno ai quei tempi? difficile, molto difficile.
    un abbraccio.

    • Mino eccoti una spiegazione che pare plausibile anche alla Nostra Marmellata.
      Mustard (from Latin mustum ardent) !!!!
      si direbbe Mosto che arde…ovvero Uva cotta fino alla consumazione di tutto il suo succo, vedi Mosto! cosa ne dite, tu e Luigi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...