Li pastiddj ti la Virnallese e la ‘nsalata ti Cecca

Sobbra alla chiazzodda, all’inizzio ti la stratodda ca purtava sobbr’alla Matonna ti la Croce, javitàva la Virnallese.
Si scinnèvunu nu paru ti gradini e tacchjavi ti nanti tanta ti quiri cose bbuene.
Alli tiempi nuestri li cose ca vinneva la Virnallese s’acchjunu a tutti vanne, ma tannu era edda la specialista ti nucedde, pastiddj, lupini, castagne ti lu prèvite, mènnele e spassatiempi.
Tiempu ti ‘nviernu la Virnallese rrusteva puru li castagne e li vinneva alli piccinni e alli cranni.
Nisciùnu si ricorda chjù ce nome tineva; era chiamata cu lu sobbrannome ca li tarnu appena venne a javita’ a San Giorgi, ti lu paisu sua, ti Bernalda.

Po’ stava na vicchjaredda ca javitava vicinu allu Professore Ponzio, ca si chiamava Cececca, o Cecca, ca vinneva la ‘nsalata ‘nnant’alla porta ti casa sova.
Quannu passavi ti ddà lu furtore ti l’ùmmutu si sinteva appena ggiravi l’àngulu ti De Monte.
Essì, Cecca vinneva la ‘nsalata, la ‘ttaccava a mazzettini cu la raffia, e si mitteva cu na cascetta a capusotta, e faceva la vetrinetta sova. Li rafanieddj, l’arienu, l’agghja, lu putrisinu, la lattuga, lu chiavulicchju askuante e tanta cose minute e piccinni, ca edda era vecchia e no si puteva caricà quannu sceva a Tarantu cu la corriera o cu li màchine private ca purtàvunu li cristiani a fa’ la spesa a Tarantu.
Appena m’agghju misu a fa domande sobbra a questa vicchjaredda, onu catutu tanta muragghje ti dimenticanza e cu li uecchj chini ti meraviglia a picca a picca pareva ca l’amu fattu risuscità, e pareva ca la vitemmu intr’a quera casa ùmmita, curvata sobbra a quera povera èrva ca li faceva uatagnà to soldi pi campa’ onestamente.

Annunci

6 thoughts on “Li pastiddj ti la Virnallese e la ‘nsalata ti Cecca

  1. Rivedere questa frutta secca fa un certo effetto erano le caramelle di allora insieme alle fave arrostite ai semi di zucca e ai carruba, ci facevano compagnia quando andavamo al cinema la domenica, masticando come castorini.

  2. Bellissimo il ricordo di quella fruttivendola il cui locale consisteva in uno scantinato cui si accedeva per alcuni gradini per trovarvi ogni ben di Dio, pastiddi incluse. I centri commerciali hanno fatto strame di questi piccoli esercizi a dimensione umana dove trovavi un pò di tutto, specialmente quei rapporti interpersonali che erano il cemento di quel contesto umano che ci manca tanto nell’aridità dei nostri giorni!

  3. Voglio ricordare anche la bella figura di Cecca che si guadagnava da vivere (la sciurnatedda) vendendo soltanto insalatina e erbette aromatiche. Figura simbolica di semplicità e, direi, di innocenza; si lavorava onestamente per vivere con poco ma con tanto decoro.
    Mia madre mi mandava a comprare quei teneri mazzetti messi insieme con tanta cura e chi ricorda la buona Cecca sa che con 10-20 lire te ne tornavi a casa a mani piene!
    E’ utile e meritorio additare alla nostra attenzione queste figurette irripetibili!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...