la lacrima ti màma

Mi ricordu sia ca era ieri, quannu facemmu la vinnegna a quiri 7 filari ti vigna era cchiù lu rrivuètu!
Ttanima traseva in crisi, piccè propria lu giurnu ca erma a vinnima’ si ni vineva a chiòvere!
Mi ricordu ca la prima vota ca vinìu maritima a tagghja’ nu paru ti crappe si tagghjò nu picca lu tiscitu e
quera fu la scusa pi no vinè mai chiù!
Nna vota ca po’ ermu vinnimatu, e strinceva li grappi intr’alla furata e minava lu mustu intr’alli capasuni, ‘ttanima no si curava cchiù né di tramuta’, ne di sorveglià come scèvunu li cose!
Jddu scè fatiàva all’arsenale di Tarantu, si ni sceva la matina prestu ca era ‘ncora scuru e turnava la sera alle seje. E tannu si manciava tutti quanti ermu.
Màma era tanta attiva e appena arrivava l’ùa ti campagna ni pigghjava quantu na patella e la spicciava ti strèncire cu li mani, lu sucu ca asseva lu mitteva intr’a nu buccacciu largu. Po’ lu ccucciava cu na mappina!
No vi dicu li muscaredde!!!
Però edda lu sce viteva tutti li giurni,quannu viteva ca la fermentazione era spicciatu lu passava e lu mitteva intr’a n’otru buccacciu. Po’ lu passava tutti li giurni, pi na dicina di giurni. Alla fine lu vacava intr’ alli buttiglie e mitteva la targhetta fatta cu nu fogliu ti quadernu. “ lacrima” vendemmia 1956…o 1960, insomma ti l’annu ca era fattu la lacrima.
Alli fiesti granni, come Pasca e Natale, màma asseva una ti quiri buttiglie e pi nuie era comu sia ca ni bivemmu lu megghju sciampagne!

Annunci

5 thoughts on “la lacrima ti màma

  1. Tra il vernacolo e i profumi del mosto lo spaccato di una famiglia, gente comune e laboriosa.
    Da “La lacrima ti mama” champagne delle feste, dolce nettare che racchiudeva tutta la cura di una mamma per la sua famiglia, alla commozione che ci prende immaginando luoghi e rumori ormai andati ma impressi in noi come foto in bianco e nero!
    Anna, si è capito che le rimembranze mi piacciono! Tu riesci splendidamente ad evocarle.

    • Mariella cara, sapevo di toccare i tasti giusti con te che possiedi il mio stesso sentire…quando si parla di vino poi, sei una vera maestra…per me venire nel tuo negozio è come inebriarmi di antichi sapori che accarezzano il palato!

  2. Parlare di vino e della lacrima che fa veramente versare lacrime di ricordi il passo è breve nel rivedere mia madre, come tante altre donne del passato, raccogliere gli acini passiti. acini che avrebbero poi donato una marmellata o comunemente chiamata mostarda, da rendere noi bambini felici mordere quelle belle fette di pane casereccio spalmato di tanta cura e amore materno. le fette biscottate sarebbero arrivate dopo con il benessere/malessere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...