la pasta ca faceva màma

immagine tratta dal libro "L'oro del tempo" di Anna Marinelli

La pasta ca faceva màma era la fine del mondo! Puru quannu lu sucu era senza carne pareva sia ce ti sta manciavi. Quannu passava na sittimana e no l'era fattu mancu 'na vota, ttànima si mitteva ncueddu ncueddu comu l'acieddu ti lu malaùriu e diceva sempre 'na cosa: Gesua’, quannu e ta fa 'na francatedda di pizzicarieddi cu la ricotta askuante?
oppuru: Gesua', quannu e ta fa 'na lainedda ti massa cu li cìciri?
E tanta la ggirava e tanta la vutava ca màma cu lu faceva sta cittu, 'mpastava quantu nu mienzu kilu di farina e lu tineva cuntente.

E nuje 'nsieme a iddu!

Glossario: lainedda – sfoglia di pasta sottile per fare la “massa”, cioè una tagliatella sottile che si poteva cuocere sia con i legumi che con un buon sugo di pomodoro. Per i legumi la tagliatella si tagliava un po’ più corta, altrimenti, dato che i legumi si mangiano con il cucchiaio, la pasta scivolava da tutte le parti, ed era un’impresa riempirlo.

Annunci

4 thoughts on “la pasta ca faceva màma

  1. domenica mattina io e mia moglie abbiamo fatto in casa un bel mezzo chilo di pizzicarieddi e ricchietieddi con il pomodoro nostrano di questa estate stupenda a san giorgio. ovviamente con la cacioricocca fresca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...