La purga

La purga

Quannu ermu piccinni la svintura chju brutta ca ni puteva capita’ era la purga.
Quannu tinemmu li vìscili ‘mbarazzati e la mamma ni purtava ddo lu dottore, quiru, la prima cosa ca diceva era ” Apri la vocca, fammi vitè la lenga!”
E dda ti vogghju, la lenga era bianca comu nu latte, cu na panna doppia do tisciti!
Allora nuie spittammu cu tant’ansia ce diceva lu dottore, e quiru, puntualmente sentenziava; “Signo’ quann’è crè talli na bedda purga alla piccenna e viti ca passa subbitu megghju!”

Pi lu colmu ti la svintura, ni tuccava a nuje stessu cu la scè ccattammu alla farmacia Calò, ret’alla Chiesa madre.

Purtammu lu bicchiere e lu dottore ni mitteva intra quantu ni vulemmu… n’onza, menz’onza, n’onza e menza. Po’ lu ccucciava cu nu fogliu ti carta ogliata e li faceva tanta ti quiri piegolini ca pareva sia ca era nu cuperchju.

Mama la priparava cu lu campumillu, mi tineva lu nasu stritu cu lli tèsciti e mi diceva” gnutti, gnutti ca n’otru picca ni steje” e mi faceva gnottere quera porcheria, puru ca iu tineva lu cannanoce strintu! Pi furtuna però ca po mi faceva sucà nu mienzu limone e mi llivava tuttu quiru disgustu ca tineva sobbr’alli musi.

E pi quera brutta esperienza pi tutta la vita mea lu campumillu mi sape comu na purga!
Mi ricordu, sia ca fo’ ieri, ca na vota mama si pprisintò vicinu allu liettu mia cu la purga, e io mi n’assiu cu na frase ca mama si la ricurdò pi totta la vita sova.

Iu, toppu ca era piccenna, pareva sia ca canuscèva li diritti internazionali di li piccinni, e lli dissi: “ma, e cussì mi puerti la purga senza mancu cu so’ stata priparata”?

Capiti mò ce vogghju dicu? Io sapeva già ti tannu ca li piccinni tenunu li diritti loro, e ci tannu stava lu telefunu azzurru iu puteva ricorrere, piccè la purga, vagnù, ete la violenza chju brutta ca si po’ ffa a nu piccinnu.

Foto; Per gentile concessione della farmacia Calo’
(ti mmienz’alla chiazza!)

Annunci

5 thoughts on “La purga

  1. Allora non esisteva il telefono azzurro in soccorso dei pargoli cui le energiche mamme infliggevano più volte l’anno il supplizio dell’olio di ricino! E poi … dovevi andare tu stesso a comprarlo come aggiunta crudele, impietosa e senza scampo!

  2. Per “addolcire” l’amaro calice, mentre mi teneva il naso chiuso, mi ficcava in bocca una caramella alla menta, detta “ghiacciomenta”. Ho talmente preso in odio questa caramella che se qualcuno me la proponesse… sarebbero guai!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...