Archivio | agosto 26, 2012

Proverbi: Santi e metereologia

SANTI E METEREOLOGIA NEI NOSTRI PROVERBI

Negli anni scorsi o forse è più appropriato dire, nel secolo scorso, i contadini scandivano molte delle loro attività agricole, come ad esempio i tempi della semina, della vendemmia e persino il tempo giusto per travasare il vino, attenendosi ai consigli del calendario. Contava molto osservare lu crescere e smancare ti la luna, per questo, senza aver la pretesa di essere stata esustiva, ho il piacere, di offrirvi una sequenza di proverbi legati alle ricorrenze dei santi, ai consigli ed alle avvertenze che ne derivano.
———————————————————————-
Ti san Sibbastianu, (20 gennaio) nn’ora ti cchju abbiamu
(Per San Sebastiano abbiamo un’ora di luce in più)
Ti san Valentinu, (14 febbraio) la primavera éte vicinu
(Per San Valentino la Primavera è vicina)
Ti san Frangiscu, li séte allu canistru
(Per la festa di San Francesco i melograni nel canestro)
Ti sant’Antonio (13 giugno) lu culummu pi testimonio
(Per la festa di Sant’Antonio il fiorone fa il testimone)

Ti sant’Antoniu abbate,( 17 gennaio) maschere e serenate
(Il 17 gennaio, giorno di Sant’Antonio Abate inizia il Carnevale, perciò iniziano i balli e le serenate)
Ti santa Croce, (14 settembre) mancia lu pane cu llu noce
(A settembre per la festività della Santa Croce le noci sono mature e si possono mangiare con il pane)
Ti santa Rita,(22 maggio) ogni rosa è fiorita
(per la festa di Santa Rita si ha la piena fioritura delle rose e santa Rita ne è la patrona, infatti durante le messe dedicate alla Santa degli impossibili si benedicono i petali delle rose e si dispensano ai fedeli presenti)
Ti sant’ Anna,(26 luglio) trasi l’anima alla castagna
(In luglio la castagna comincia a solidificarsi)

Ti santa Catarina, s’imbianca la pàmpina e puru la spina
Ti santa Catarina,(25 novembre) o acqua o neve o brina
Ti santa Catarina, la neve ogni matina
( per santa Caterina si hanno le prime gelature e le prime nevicate)

Ti san Simone,(28 ottobre) lu jaddu si faci cappone
(Per San Simone si ingrassa il gallo per essere consumato a natale come cappone)
Ti santa Lucia, (13 dicembre) tanta la notte quantu la dìa
(Di Santa Lucia tanto la notte quanto il dì)

Ti san Pietru, (29 giugno) o pagghja o fienu
(Di san Pietro o paglia o fieno)
Ti santu Grazianu, semina a piena manu
(Di san Graziano, semina a piena mano)
Ti santa Matalena, ( 22 luglio) lu noce è chinu e si tagghja l’avena
(Per Santa Maddalena le noci sono mature e si può tagliare l’avena)
Ti santa Cristina,(24 luglio) la matina l’aria è fina
(Per santa Cristina la mattina l’aria è fresca (fina)
Quannu chiove ti santu Vitu la raccolta ti l’ua ha fallitu
(Quando piove per san Vito si danneggia l’uva)
Ti tutti li santi, ( 1 novembre) cappottu e uànti
(Per tutti i santi provvediti di cappotto e guanti)

Ti santa Filumena,(5 luglio) la mennela è chiena
(Per santa Filomena la mandorla è piena)

Ti sant’Anna, l’acqua è panna
(La pioggia di sant’Anna è benefica)
Ti santu Bbiase, (3 febbraio ) quantu sièmmini tantu face
(Quando semini di san Biagio raccoglierai per quanto hai seminato)
Ti la Candelora (2 febbraio) ti lu ‘nviernu simu fora,
ma ci li sé cuntà nnotr’ e ttanta nci ni sta.
(Per la festa della Candelora dell’inverno siamo fuori, ma se li sai ben contare
ci sono altrettanti giorni prima che venga primavera)

Dal mio libro: Le Tagghjate: sCAVAndo nella memoria. Scorpione Editrice Ta – Maggio2009

Annunci