Li fave, la foca e Santa Maria

Alli tiempi mia, li ginitori ca tinèvunu cincu se’ fìli, ccattàvunu nu quintale ti fave all’annu, a ci ni tineva tre, quattru, ni ccattava mienzu quintale, insomma si ccattàvunu li fave in base a quanta pirsùni ernu intr’a la famiglia e si cucinàvunu li fave armenu tre vote la sittimana, lu lunitìa e lu viendridìa era sicuru, lu mierculitìa no tanta, si puteva puru cucina’ ‘n’otra cosa.

Allora, li ginitori ccattavunu li fave e, siccomu allu tiempu ti li fave la scola era ghiusa, pi tine’ li piccinni occupati, si mittèvunu nnanti alla porta o intr’allu uertu, o la matina allu friscu o topumenzatìa, a muzzica’ li fave.

Muzzica’ li fave vo’ ddici, lliva’ prima lu nasieddu e po’ lu restu ti lu scuerciùlu cu lu muzzicatùru!
Si pigghjava na seggia vecchia, ti pagghja, e si mitteva la chjanca, e li fave sobbra, a picca la vota, lu stagghju era nnu panarieddu o nu sicchiettu la vota.

La mamma si mitteva alla vanna larga ti la seggia e li piccinni ti costi.
Li granni ernu ‘spierti ti stu mistieri, ma li piccinni, cu ‘sti tisciticchj nonc’ernu tanta svelti e bravi. Qualche vota si tàvunu nna botta ti muzzicatùru sobbr’alli mani.

Quannu succetèva la mamma sùbbitu li cunsùlava: “ Gio’, manè alla mamma, ca ti Santa Maria ma scè a mare”!
Li piccinni però ancora nonci lu sapèvunu ca lu Santa Maria ti tannu era lu ferragostu!

Trimintèvunu stu carrùmmulu ti fave e si facèvunu la croce alla tretta e alla smersa.
Intantu quanta cchjù giurni passavunu tanta cchjù li fave facèvunu lu favarùlu, e si scarfàvunu sobbr’allu telone addò ernu statu vacate, e facèvunu vine’ la foca!

E ce ni sapiti vuje ce era la foca!

Era nu pruritu c ‘asseva sobbr’alli vrazzi e ti vineva sempre ti cratta’ comu sia ca tinivi la scarlatina o la rugna. A quistu puntu, a mare s’era sce’ pi forza, cussì la foca passava cchju prestu!

Menu male!

Annunci

7 thoughts on “Li fave, la foca e Santa Maria

  1. A foca! e per portare sollievo si facevano gli impacchi di acqua in cui s’era lasciata per qualche ora della crusca, sbaglio? Oppure si usava l’Andagine o Antagine, che forse era talco a pezzi? Con un brainstorming forse riusciamo a venirne a capo

    • Ciao Mimmo, penso che le nostre mamme, quando si prendeva la foca ci lavavano con la “pòsima, cioè l’amido con il quale si inamidavano i colletti delle camicie. Questo prodotto è valido ancora oggi come prodotto sanitario per decongestionare degli arrossamenti. Ah! quindi la conoscevi anche tu, “A foca” ???? ahhahah! che bello a sapersi.

  2. Leggo avidamente le novità che sopraggiungono e di cui ci fà dono la brava e impagabile Anna, da ultimo il bel piatto di fichi letteralmente mangiati con gli occhi. Quelli del Nord sono altra cosa (in negativo s’intende).
    Ogni aggiornamento è sempre atteso da quelli (tanti) della diaspora! Buon Ferragosto a tutti gli amici di Anna e a lei in primis.

    • Grazie Signor Bisignano, come vede per i miei affezionati lettori stò pubblicando anche qualcosa di inedito…sto lavorando per il secondo “Quaderno”. Certo, non tutti i post sono adatti alla pubblicazione cartacea ma al pubblico del web credo di sì. Ricambio i saluti a lei e famiglia… se vede Natalino lo saluti per me.

  3. prima ti santa maria s’erna mùzzicà tutti li favi,e fa la salza ,cinò scurrumpeva lu tiempu e li pummitori si nquaqquavunu,erma siccà la cunserva,e siccà li fichi,accì li tineva, e poviri a nui piccinni,mi ricordu ca po a agostu chiuveva e li ticevu a mama,mà ma quannu ama sce a mari?e mama ticeva e ce ama fà piccenna mea no vi ca stè chiovi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...