LA SCKAKKIATA TI PIPARULI


Quann’era piccenna ìu a tiempu ti statu, ci t’acchiavi caminannu pi la strata verso li cincu, li sei di sera, sintivi ca t’intr’a tutti li case, apierti pi lu càvutu e cu nu ‘nnanziporta ca vintulava, asseva n’ardoro ca ti faceva sckuppà ‘nterra!
E ce era??
L’ardoru ti la sckakkiata ti piparuli!!!
No si puteva sbaglia’!
La staggione ce ti vuli’ manciavi la sera? O vulì o vulà, nonci stava tanta ta sckakkia’!
O nu paru ti friseddi, o na sckakkiata ti piparuli. Ci po’ n’acchiavi unu asckuante t’asckuavi tuttu lu cannanoce! Ca allora piccè si chiàmunu “diavulicchi”?
Ca ùsckunu comu nu diavulu!
Alli màschili però la cosa li faceva piacere, ca cu la scusa di farsi passa’ l’asckuore si bivèvunu nu paru ti bicchieri ti mieru di chju!

Annunci

2 thoughts on “LA SCKAKKIATA TI PIPARULI

    • Mimmo, praticamente è come la “Sciotta” di melenzane, una specie di guazzetto con pomodori per intingere il pane, sai meglio di me che le generazioni che ci hanno preceduto basavano l’alimentazione sul pane anzichè sul Com/panatico. Grazie e buona continuazione d’Estate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...