LU PAISU MIA


Un ringraziamento particolamente sentito lo voglio rivolgere alla bella Marilena Piccoli,la quale, sia ieri sera che la sera della Presentazione ufficiale del “Quaderno” ha declamato con abilità e ironia la mia vecchia poesia dal titolo “Lu Paisu mia” oltre che due ricette presenti nel libro.
Marilena ha la capacità innata di stravolgere, modificare, rinnovare e arricchire di suo il mio testo originale, facendone un “pezzo” dalla valenza teatrale. Grazie Marilena!

Un ringraziamento sentito e grato lo voglio rivolgere all’amico Lillino Jacca, il quale di buon grado ha offerto al pubblico la sua versione ampliata della Prefazione pubblicata nel “Quaderno”.

Alla signora Milena Miola, che a me ha ricordato lo stile della franceese
Françoise Hardy, il mio grazie per il contributo musicale alla bella serata. A Pasquale Veneri per aver organizzato l’evento e per aver messo a disposizione la seggestiva sede del Centro Culturale San Giorgio come location della serata.

All’Amico Vito Fabbiano per aver realizzato uno splendido servizio fotografico e per la sua innata generosità nel donarsi e mettersi a disposizione gratuitamente.

LU PAISU MIA

O quant’é beddu lu paisu mia
cu vi lu contu non c’é bisognu di fantasia,
li cosi ca vi ticu so’ cosi viritieri
pi me è bellu osci com’era bellu ieri.

Certu, sonu pirdutu certi arti e mistieri
e ‘ntra li sangiurgisi so chju li furastieri.
Stonu cinisi e turchi e ‘nqualche marucchinu
e sonu dissusatu scarpari e cuntadini,
nonci ni stonu chju furnari e zuccaturi
mo so’ tutti raggiunieri, niguzianti e prufissuri.

La sera ti lu statu ancora ste in vigore
cu seggi, scanni e sdraje di ‘ssitersi ‘ddà fore
a gòdere lu friscu e a mancia’ cuzzieddi
e a tagghja’ li panni a ricche e a puvirieddi.

Ni scarfammu alla fracera quann’era la ‘nvirnata
e allu fucaliri sempre pronta na pignata,
ti cìciri, ti fave, di fasuli cannellini
e mo la criaturama vole sulu tortellini,
pi mantene’ la linea volunu sulu latte scrematu
so’ mazzi comu scope e li pué ‘nfilà ‘ntr’a l’acu.

Lu pane fatt’a casa nisciunu voli chju
mo manciunu brioches, grissini, toast e fru-fru
Quiru beddu pane di granu
pi mancia’ pane e furmaggiu
mo è sulu nu ricordo, mo è sulu nu miraggiu.

Vabbe’, mo ce sto dicu,
‘ncualche cosa bella ha rimastu,
e tra quisti a primu postu, ca pi nuje assai vale,
è la festa di San Giorgi, è la festa patronale.

Santu Giorgi Cavagliere
Ca ‘mmanu porta la bandiera
E sotta porta lu serpente(1)
‘ttira ancora tanta gente.

Iddu é Martire e Santu valurosu,
ci mo ste Padre Piu non è geloso, (2)
anzi, sti do’ Giganti onu fattu n‘alleanza
di fare grazie e miràculi alla cittadinanza,
di sorvegliare sempre questa popolazione
ca pi li muerti e li santi tene tanta devozione.

Stu paisu d’ingegneri e di avvucati
ca stonu sempre amari ca so’ disoccupati,
stu paisu beddu ti lu cori mia
ca osci fazzu omaggiu ti sta povera poesia.

Giugno 2000

Annunci

5 thoughts on “LU PAISU MIA

  1. quanta verità dici e racconti.
    ho una nostalgia del tempo passato che scriverlo non riesco.
    chissà perchè ho sempre i ricordi di una san giorgio dei tempi che furono. non distolgo mai il pensiero da avvenimenti: carri che trainavano i tini pieni di uva vendemmiata, signore con il fazzoletto al volto per ripararsi da li “Zampiddi” della salina, la corriera che portava a casa gli arsenalotti di fine giornata a casa fermandosi al largo di via rocca.
    i profumi dei biscotti fatti in casa nei giorni di festa. la processione del santo patrono e noi ragazzi vestiti a nuovo con abiti comprati al mercato di un martedì qualunche, ma specialmente da ” Giuvanni di la rocca “.
    mi fermo altrimento di scappa la lacrima.
    un bacio

  2. cara anna, sono contento che tu abbia inserito in questo blog l’iniziativa promossa dal Centro Culturale San Giorgio del “Concorso Altarini Votivi” in occasione della Festa Patronale. Anche quest’anno andremo nelle famiglie a risvegliare il 23 Aprile, giorno della processione, quel senso civico-religioso di appartenenza e di devozione al Santo Patrono del nostro paese, allestendo davanti alle proprie abitazioni un altarino con l’immagine di San Giorgio. A tutti il Centro, oltre a premiare con una targa l’altarino più bello, offrirà in ricordo un attestato di partecipazione. Questa si spera possa diventare una bella tradizione per tutti i sangiorgesi impegnati a partecipare attivamente alle manifestazioni di “lu paisu mia” in occasione della festa patronale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...