SARDE FRITTE E PUPIDDE

pescivendoli della San Giorgio che fu

pescivendoli della San Giorgio che fu

Quanti ti vuie sàpunu ca nna vota stava la “chiazzodda ti lu pesce” a San Giorgi?

Ormai no si lu ricorda nisciunu cchiu, eppuru nna vota, ‘ntra Via Isonzu,

quera strata ca ti la Chiesa Madre porta mmeru alla chiazza,

ti la vanna ti la farmacia Calò, ‘ntra quiru spiazzu ca ste ancora mo’,

si vinneva lu pesce.

Si vinneva pesce povero, pesce azzurro,

pesce ca ancora osci mi ricordu ccerti nomi, (pittoreschi e intraducibili!)

Cefli, sardi, alici, pupiddi, masculari, vope, cavùri, triglie, cuggiuni.

Agghju lettu l’otru ggiurnu sobbra a nnu giurnale,

ca lu pruverbiu “ a pupiddu, a pupiddu, ogni unu pensa pi jddu”

ni vene propia ti dda, ti lu pesce,

ti quannu si manciava tutti intr’allu stessu piattu e si minavunu

arranca arranca sobbra a nnu piattu di pesce frittu, pupiddi o sardi o alici…

Di tannu ha rimastu lu ditteriu “ a pupiddu a pupiddu ogni unu pensa pi jddu”!

Annunci

3 thoughts on “SARDE FRITTE E PUPIDDE

  1. Quello che ho letto e visto in questo blog e tutto reale,io abito a Taranto ma sono di un paesino della provincia FG.dove si riscondrono le stesse cose,usanze,e modo vivere in todo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...