PURPIETTI T’OVE

Pigghjate tre o quattru ueve, apritele a uno a uno e mittitili ntra nna coppa.

Sbattitili cu lla furcina e mittiti nnu pizzicu ti sale. Po’ mittiti nna bedda francata di furmaggiu,

nnu picca ti putrisinu tagghjatu piccinnu piccinnu e nna francata ti pane crattatu.

Ci nci vo’ nnu picca t’acqua, mittitila. Ma propria picca, ca lu ‘mpastu nonci  a ta essere  assaj moddi.

Pigghjate quantu nna noce di ‘mpastu  e passatilu ntra lli mani come quannu faciti li purpietti ti carne.

Ntra la frizzola mittiti l’olliu t’alia, facitilu scarfà bbuenu e friciti li purpietti t’ove.

Vititi ca quiri ardorunu assaje, e quannu trasinu li piccinni ti la scola ni volunu qualchedunu!

Ah! Mo mi ni scurdava! Qualche purpiettu si mette puru ‘ntr’allu sucu,

ma dopu ca aviti ‘ccunzatu la pasta, ci no s’assorbunu tuttu lu sucu e no nni rimane pi lla pasta.

Quistu secondo li mamme nuestre lu facévunu sobrattuttu ti quaresima,

quannu no ssi manciava carne pi quaranta giurni sani sani!

Annunci

10 thoughts on “PURPIETTI T’OVE

  1. Mi dispiace ma le folaghe erano consentite. Mie fonti l’affermano. Ho anche fatto una rapida ricerca (folaghe quaresima) in Google.
    Il problema è un altro che ora la caccia è chiusa e sicuramente non ce ne sono.

    • ahahhaha Paola, basta l’aspetto per chi è lontano e non conosce il nostro dialetto…Per il Quaderno non erano previsti i sottotitoli…si perdeva tutta l’ironia e la poesia…perchè anche se non si vede anche qui vi puoi trovare tracce di poesia…ciao cara, grazie della visita.

  2. La ricetta è uno spettacolo a leggerla, ma per me è nuova pur essendo pugliese, io le polpette le ho sempre viste fare con il macinato di carne assieme al panbagnato nel latte, ma mai di solo uova.

    • Abbiamo detto piu volte che le polpette di uova erano un piatto della cucina povera di una volta, le uova erano sempre presenti nella famiglia perchè nell’orticello si creava una zona con la gabbia delle galline, le quali venivano alimentate non solo con la crusca,,,anche quella facile da reperire, ma anche con gli scarti degli alimenti, bucce di frutta, foglie della verdura, persino con le bucce di patate sminuzzate finemente… allora erano impensabili i prodotti manipolati di oggi… Grazie Pino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...